05.04.2016

FCA AL SALONE “TECHNO CLASSICA 2016” A ESSEN

Martedì 5 aprile 2016

Dal 6 al 10 aprile la località tedesca ospiterà la prestigiosa rassegna dedicata ai veicoli d'epoca. Tra i partecipanti FCA - con i marchi Alfa Romeo, Abarth e Fiat - che esporrà alcuni preziosi esemplari storici e le ultime novità di attuale produzione.

Al via la 28esima edizione di “Techno Classica” ospitata a Gruga Hallen (Essen) e pronta ad accogliere appassionati ed espositori provenienti da tutto il mondo. Alla prestigiosa rassegna partecipa FCA confermando il proprio interesse a questo settore in continua crescita che pervade trasversalmente la società contemporanea aggiungendo valore al comparto dell'auto moderna. In particolare, il pubblico potrà ammirare alcuni esemplari storici dei marchi Alfa Romeo, Fiat e Abarth insieme alle ultimissime novità di attuale produzione: è il modo migliore per ribadire con forza l'unicità dei singoli brand nel panorama mondiale, un patrimonio fatto di vetture e progettisti, corse e motori, stile e innovazione che hanno segnato il progresso tecnologico e le vicende sportive del Novecento.

Alfa Romeo

La partecipazione di Alfa Romeo si focalizza sulle "berline sportive", un concetto ideato proprio dal brand italiano e oggi attualizzato ed evoluto nella nuovissima Giulia. A Essen il pubblico potrà ammirare quattro preziosi esemplari provenienti dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese, denominato "La macchina del tempo": Alfa Romeo 1900 (1950), Alfa Romeo Giulia TI Super (1963), Alfa Romeo 75 Turbo Evoluzione (1987) e Alfa Romeo 156 D2 “SuperTurismo” (1998). Queste rarità accompagneranno un’affascinante Giulia Quadrifoglio, sintesi del nuovo paradigma Alfa Romeo e massima espressione della "meccanica delle emozioni".

Il concetto di "berlina sportiva" nasce nel 1950 con l’esordio dell'Alfa Romeo 1900 (L4, 1884 cc, 80 CV) che aprì la strada a una nuova era per il marchio: infatti, fu la prima vettura dell'Alfa Romeo a essere realizzata su una vera e propria linea di montaggio, la prima a essere progettata secondo criteri industriali, monoscocca inclusa, la prima con un motore a 4 cilindri nato per essere prodotto in serie. Le caratteristiche più rilevanti della 1900 sono proprio le sue performance dinamiche: velocità, tenuta di strada, maneggevolezza e sicurezza attiva hanno fatto di questo modello la prima berlina a tre volumi ad alte prestazioni (fu molto apprezzata anche tra i piloti privati).

Nel 1963 l'Alfa Romeo Giulia TI Super sviluppò ulteriormente il concetto di “berlina sportiva”: realizzata in 501 esemplari, è la versione ready-to-race della Giulia, con il motore 4 cilindri da 1,6 litri portato a 112 CV, alleggerita di un centinaio di chili, con una velocità di punta di 190 km/h. Altra protagonista della rassegna tedesca sarà l'Alfa Romeo 75 Turbo Evoluzione del 1987 (L4, 1762 cc, 155 cv, turbo) che, in modo simile a quanto accaduto 24 anni prima con la Giulia TI Super, viene prodotta in una serie limitata di 500 unità, realizzate appositamente per l’omologazione nel “Gruppo A” della categoria Turismo. Una decina di anni dopo le regole delle vetture turismo cambiarono. Dal 1998 Alfa Romeo mandò in gara la cosiddetta versione Classe 2 del modello 156 (L4, 1995 cc, 310 cv) . Così la tradizione continua: come la 1900, la Giulia e la 75, la 156 riafferma il concept vincente della “berlina sportiva” che ritroviamo oggi nella nuovissima Giulia.

Infine, alla “Techno Classica” di Essen saranno esposti due esemplari d’epoca – l'Alfa Romeo 1600 Spider “Duetto” e la Giulia Sprint GTA – che celebrano il 50° anniversario di due eventi importanti nella storia del marchio. Nel 1966, infatti, debuttò l'Alfa Romeo Spider, la celebre “Duetto”, la famosa due-posti guidata da Dustin Hoffman nel film cult “Il laureato”. E lo stesso anno Alfa Romeo vinse, per la prima volta, il Campionato Europeo Turismo con la Giulia Sprint GTA che si ripeté l’anno successivo. La GTA divenne ben presto l’indiscussa regina delle corse turismo. Tra l’altro, sempre nel 1966, conquistò un ulteriore primato: fu la prima vettura turismo a girare al Nürburgring sotto i 10 minuti, con De Adamich-Zeccoli la coupé dell’Autodelta girò sulla Nordschleife in 9’59”.

Fiat

Ritorna alla “Techno Classica” anche il marchio Fiat che presenta al grande pubblico un’icona degli anni Sessanta: la Fiat 124 Sport Spider. Lanciata nel 1966, l’esemplare in mostra è del 1969 e conserva ancora oggi tutto il suo fascino. Evoluzione della Fiat 124 berlina, la versione Spider era un’auto sportiva della quale ben presto tutti si innamorarono, anche grazie al design di Pininfarina, partner storico della casa italiana e nome importante in tutto il settore automobilistico. La 124 Spider montava una trasmissione manuale a cinque marce, un motore a doppio albero a camme da 1.438 cm3 e freni a disco su tutte e quattro le ruote.

Gli americani impazzirono per le proporzioni e lo stile marcatamente italiano della Fiat 124 Spider, come pure per la sua capote impermeabile, che poteva essere abbassata direttamente dal sedile del guidatore con grande rapidità e semplicità. Dal 1966 al 1985 ne vennero prodotti oltre 200.000 esemplari, dei quali più di tre quarti attraversarono l'Atlantico.

A “Techno Classica” sarà presente anche la nuova Fiat 124 Spider che racchiude in uno stile evoluto la bellezza classica della progenitrice senza tradirne l'essenza. Tributo all'iconica vettura che venne lanciata 50 anni fa e della quale porta il nome, la nuova Fiat 124 Spider si colloca nel solco della tradizione della sua leggendaria antenata e punta a fare innamorare una nuova generazione per il suo stile e le sue prestazioni. A equipaggiarla l'affidabile propulsore turbo a quattro cilindri da 1,4 litri con tecnologia MultiAir, che eroga 140 cv di potenza e 240 Nm di coppia, ed è disponibile con cambio manuale a 6 marce.

Abarth

Completa l’esposizione il marchio dello Scorpione Abarth che alla “Techno Classica 2016” presenta una Fiat Abarth 124 storica, in versione stradale, e il nuovo Abarth 124 spider che proprio a Essen fa il suo debutto ufficiale in Germania.

Pensato per appagare anche i piloti più esigenti e già possibile ordinarlo in tutta Europa al prezzo di 40.000 euro e sarà disponibile nelle concessionarie a partire da settembre. Si potrà acquistare il nuovo Abarth 124 Spider anche grazie alla soluzione proposta da FCA Bank, con un finanziamento che prevede rate da 300€ al mese.

Il nuovo Abarth 124 spider è dotato di trazione posteriore, sospensioni raffinate e un motore turbo 1.4 MultiAir a quattro cilindri da 170 cv, abbinato al cambio manuale a 6 marce oppure al cambio automatico Sequenziale Sportivo Esseesse a 6 marce con selettori al volante.

Il connubio tra il patrimonio storico e la tensione al continuo progresso tecnico è parte del DNA dello Scorpione: lo dimostrano le vetture esposte a Essen e l'ambiziosa iniziativa Abarth Classiche. Il progetto, inaugurato a novembre presso le Officine Abarth di Mirafiori a Torino, si articola su più punti: dall'atelier di restauro al Registro Abarth che coordina fiere, eventi, raduni e competizioni. Il programma, secondo ogni più rosea aspettativa, sta riscuotendo grande successo, con numerose certificazione già effettuate e numerose prenotazioni sono in lista di attesa. La coerenza tra i modelli attuali e quelli che hanno firmato tanti record automobilistici è uno dei segreti del successo commerciale del brand. Maggiori informazioni sul nuovissimo sito: http://www.abarthclassiche.com. E a proposito dei Digital, il 1° marzo è nata "The Scorpionship", l'unica community ufficiale Abarth dedicata ai possessori delle vetture, ai collezionisti, ai membri dei club Abarth e ai semplici appassionati. Tutti possono iscriversi compilando l'apposito modulo presente sul sito http://scorpionship.abarth.com. Essere membro di "The Scorpionship" garantisce grandi vantaggi in termini di promozioni e di attività sportive, anche attraverso raduni che coinvolgeranno tutti i fan.

Torino, 5 aprile 2016