06.11.2018

Torna a novembre lo straordinario “Bonus Impresa”

  • Dopo il "tutto esaurito" delle precedenti edizioni, FCA ripropone l'incentivo "Bonus Impresa" per l'acquisto di veicoli del Gruppo da parte di Aziende e Liberi Professionisti con Partita Iva.
  • Confermate le caratteristiche vincenti del "Bonus Impresa" - ovvero Trasparenza e Semplicità - che assicurano, in ogni momento, un accesso facile e diretto al bonus.
  • Tra le novità della nuova edizione si segnalano l'eliminazione del plafond, in modo da renderla accessibile a tutti, e l'aggiunta del finanziamento sulle principali versioni della gamma.
  • "Bonus Impresa" viene esteso anche ai veicoli commerciali della gamma Fiat Professional.
  • Al seguente link lo spot che accompagna l'iniziativa: https://youtu.be/ATY77JyCIgM

Per tutto il mese di novembre FCA rinnova "Bonus Impresa", il vantaggio chiaro e trasparente per l'acquisto di vetture del Gruppo da parte di Aziende, Liberi Professionisti con Partita Iva. Una scelta dettata dal grande successo delle edizioni precedenti: quella di dicembre 2017, che ha visto l'esaurimento del plafond di incentivi da 10 milioni di euro prima della data di scadenza; e le due edizioni di quest'anno, valide per i mesi di febbraio, marzo e aprile - con un plafond raddoppiato di 20 milioni - e riproposta nei mesi di settembre e ottobre.

Per tale ragione FCA ha deciso di riproporre, per tutto il mese di novembre, un nuovo "Bonus Impresa" che consente al mondo imprenditoriale di usufruire ancora di questa straordinaria opportunità con un'importante novità: l'assenza di un plafond di incentivi, al fine di permettere a un numero illimitato di utenti di usufruire del Bonus sul prezzo di listino dell'auto entro il 30 novembre, oltre all'estensione della promozione anche ai veicoli commerciali di Fiat Professional.

Le novità non finiscono qui: in aggiunta al "Bonus Impresa", gli utenti potranno godere, su alcune versioni dei modelli della gamma FCA, di un dedicato finanziamento FCA Bank al tasso del 2,99%. Inoltre, sui modelli Alfa Romeo Giulia e Stelvio, aderendo al finanziamento, sarà incluso nell'offerta il pacchetto di manutenzione e garanzia Top Care di Mopar.

Recandosi sul sito dedicato www.bonusimpresa.it sono disponibili i valori del "Bonus Impresa" relativi al modello prescelto. Una volta selezionata l'auto, basterà scaricare il voucher ed esibirlo in concessionaria, senza vincolo di rottamazione o permuta, ed è valido per tutte le vetture dei marchi Alfa Romeo, Jeep®, Fiat, Lancia e Abarth. Qualche esempio? Con "Bonus Impresa", grazie anche al contributo delle concessionarie, sarà possibile acquistare la Fiat 500L, il modello che combina spazio e personalità, oppure la Fiat 500X, il crossover Made in Italy per tutta la famiglia, con un incentivo di 4.500 euro.
Per chi invece desidera mettersi alla guida di una vettura del marchio Jeep, quali ad esempio il SUV Compass che sta consentendo al brand di incrementare la sua presenza sul mercato, il bonus arriva a 7.000 euro. Tra l'altro, Jeep Compass è stato il modello più richiesto nel precedente edizione di "Bonus Impresa". Per Renegade, il SUV con le migliori capacità off-road della sua categoria, questo valore è di 5.000 euro per l'alimentazione a benzina e sale fino a 7.000 euro per il diesel.
Per coloro che sono alla ricerca di sportività a un livello premium, per Alfa Romeo Stelvio, il primo SUV della storia Alfa Romeo, il "Bonus Impresa" raggiunge gli 8.000 euro mentre per berlina sportiva Giulia si arriva sino a 10.000 euro.
Infine, per chi desidera un veicolo commerciale Fiat Professional come Ducato, i vantaggi arrivano, sulle vetture in pronta consegna, fino a 15.000 euro.

Con "Bonus Impresa" FCA, insieme alla sua rete di vendita italiana, vuole supportare coloro che utilizzano la vettura come strumento di lavoro e intende incentivare il rinnovo del parco circolante in maniera più rapida, dimostrando, ancora una volta, come il Gruppo sia una realtà fatta di professionisti al servizio di professionisti con proposte concrete e modelli per qualunque esigenza.

Torino, 6 novembre 2018